Antincendio

Adempimenti di prevenzione incendi e formazione addetti


  • COSA FACCIAMO

    Offriamo alla tua azienda tutta la consulenza necessaria per la progettazione di impianti antincendio e per gli adempimenti in ambito sicurezza antincendio. La nostra esperienza decennale in questo campo è completamente a tuo servizio per realizzare tutti gli interventi previsti dalla legge dedicati alla tua azienda ed al personale.

    COME POSSIAMO AIUTARTI

    Lo studio dispone di personale specializzato per lo sviluppo, l’esecuzione, la verifica della posa in opera, per le attività necessarie alla:

    Progettazione di impianti antincendio in conformità alla normativa vigente (idranti, sprinkler, impianti di spegnimento a schiuma, impianti di spegnimento a gas inerti, sistemi di rilevazione fumi e gas, evacuatori di fumo e calore, impianti di allarme);

    Consulenza per aggiornamenti e nuovi adempimenti in materia antincendio secondo il D.P.R. 151/11;

    Verifica di rispondenza alla normativa degli impianti esistenti;

    Richiesta dei pareri preventivi a VVF ed al rilascio del certificato di prevenzione incendi (CPI) e suoi rinnovi;

    Valutazione rischio incendio ai sensi del D.Lgs. 81/08 e secondo le direttive del DM 10/3/98 e del DM 09/03/07.

    Inoltre periodicamente si effettuano corsi di formazione ed aggiornamento per gli addetti al primo soccorso e alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell'emergenza previsti in ogni azienda dal D.Lgs. 81/08 e s.m.i e dal D.M. 10 marzo 1998.

    APPROFONDIMENTI

    La nomina e il ruolo degli addetti alla prevenzione incendi e lotta antincendio è uno degli aspetti base della sicurezza sul lavoro per le aziende (art. 43, comma 1, lettera b del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., Testo Unico delle leggi sulla sicurezza sul lavoro). Il datore di lavoro deve stabilire in base al tipo di attività, al numero dei lavoratori e ai fattori di rischio, quanti devono essere gli addetti alla prevenzione incendi. In ogni caso, in ogni unità produttiva e per ogni turno lavorativo, deve essere presente almeno un addetto alla prevenzione incendi.
    In aziende con meno di 5 lavoratori il datore di lavoro può autonominarsi addetto alla prevenzione incendi, ma solo nel caso in cui sia presente costantemente in azienda ed abbia frequentato specifici corsi di formazione previsti agli art. 45 e 46 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. che rimanda al D.M. 10/03/98.

    La nomina di tali addetti avviene attraverso una comunicazione ufficiale al destinatario. I lavoratori designati al ruolo di addetto antincendio non possono, se non per giustificati motivi, rifiutare il ruolo datogli. La legge prevede che il datore di lavoro che non adempia al dovere di nominare gli addetti antincendio sia punito con l’arresto da 2 a 4 mesi o con l’ammenda da 750 a 4.000€.

    Il datore di lavoro ha inoltre l’obbligo di formare il lavoratore o i lavoratori prescelti per ricoprire tali ruoli. La formazione non deve essere effettuata fuori dall’orario lavorativo e non deve comportare alcun onere per il lavoratore. La sanzione per la mancata formazione è l’arresto da 2 a 4 mesi o un’ammenda da 1.200 a 5.200€. La formazione per addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell'emergenza si differenzia in base al livello di rischio incendio assegnato all’azienda in basso, medio ed alto.

    Contattaci

Corso per addetti alla prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione dell'emergenza

ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., D.M. 10 marzo 1998 e Circolare VVF prot.12653 del 23/02/2011


  • Corso A

    Rischio basso

    4 ore di formazione complessive

  • Corso B

    Rischio medio

    8 ore di formazione

  • Corso C

    Rischio alto

    16 ore di formazione